Donne e politica, quando l’ipocrisia mostra il suo volto

214
Pubblicità in concessione a Google

In questi giorni continuano a far discutere i video della premier finlandese Sanna Marin ritratta mentre balla in una festa privata con alcuni amici.

Una giovane politica di cui la maggior parte degli italiani ignorano il brillante curriculum ma sanno che ha partecipato ad un concerto di musica rock abbigliata con t-shirt ed anfibi.

Pubblicità in concessione a Google

Ancora una volta la cronaca sembra voler giudicare le donne in politica solo per il loro aspetto fisico e per il supposto atteggiamento trasgressivo, senza minimamente prendere in esame le loro capacità e quanto realizzato nella loro attività pubblica.

Donne e politica

Non è un vizio solo italiano, ricordiamo le foto maliziose che ritraevano ad aprile del 2009 la principessa delle Asturie Letizia Ortiz, moglie del Re di Spagna Felipe di Borbone,  quando ha accolto a Madrid nell’aprile del 2009 Nicolas Sarkozy e Carla Bruni, oppure il volgare fotomontaggio che faceva credere che uno striminzito perizoma spuntasse dal pantalone di un Ministro durante la firma del giuramento alle Riforme nel 2014.

Situazioni in cui mai nessuno si sognerebbe di ritrarre un politico di sesso maschile, a cui evidentemente alcuni pensano sia concesso ciò che per una donna è inopportuno.

Affrontiamo così questi giorni di campagna elettorale per le elezioni politiche di fine settembre, respingendo al mittente ipocriti scandali e prediche pelose, abituiamoci a giudicare un uomo pubblico innanzi tutto per i suoi atti e per le le sue azioni, prima che per quanto ha scritto nel suo diario in terza media e forse riusciremo a selezionare una classe politica e dirigente in grado di affrontare al meglio le gigantesche sfide sociali ed economiche che incombono.

Pubblicità in concessione a Google
Articolo precedenteE’ morto Piero Angela
Articolo successivoE’ morto Gorbaciov