Grande annata per il Primitivo di Manduria: Ottimo grado zuccherino e ottima qualità

572
Primitivo di Manduria
foto allegata al comunicato del Consorzio di Tutela Primitivo di Manduria
Pubblicità in concessione a Google

E’ terminata da pochi giorni la vendemmia 2022 per il Primitivo di Manduria. L’annata ha fatto registrare un calo nella produzione ma, come spesso accade, ad esso ha risposto un aumento importante del grado zuccherino e un’ottima qualità. Rispetto allo scorso anno l’impennata del grado è stata significativa.

La produzione del Primitivo di Manduria è suddivisa in Primitivo di Manduria Dop, Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg e Primitivo di Manduria Dop Riserva e abbraccia 18 comuni tra Taranto e Brindisi.

Pubblicità in concessione a Google

Calo della produzione ma aumento notevole della qualità

“La vendemmia è iniziata in linea con le attese. La raccolta delle uve è iniziata l’ultima settimana di agosto ed ha toccato dapprima le zone costiere e poi le zone dell’entroterra. – afferma Novella Pastorelli, presidente del Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria – Sebbene ci sia stata una riduzione della produzione del 25- 30%, la qualità è ottima.”

Primitivo di Manduria 2022 supera i 21 gradi

“Si sono superati i 21 gradi dato in linea con la piena espressione delle caratteristiche varietali del primitivo. Questa è un’annata ricca di colori e profumi dovuti alla concentrazione fenolica e antocianinica. Grazie all’assenza di piogge fra giugno e luglio e quindi allo stress idrico prolungato che, nel caso della naturale diminuzione della resa registrata per il nostro Primitivo di Manduria, ha portato alla piena maturazione di uve sane ed esenti da problemi fitosanitari”. Continua la presidente.

Negli anni, i produttori del Consorzio hanno fatto conoscere questo pregiato nettare in tutto il mondo, vinificando con l’uso delle più avanzate tecnologie e permettendo agli amanti dei grandi vini di apprezzare la nobiltà di questo grande rosso.

foto allegata al comunicato del Consorzio di Tutela Primitivo di Manduria
foto allegata al comunicato del Consorzio di Tutela Primitivo di Manduria

Il vitigno

Il vitigno primitivo trae il suo nome dalla precocità della sua maturazione che lo rende appunto uno fra i primi vitigni ad essere vendemmiati a fine agosto. Questa caratteristica però non impedisce agli zuccheri di aumentare la loro concentrazione tanto che la particolarità principale dei vini ottenuti dal vitigno primitivo è la sua gradazione alcolica: il Primitivo prevede infatti una gradazione minima di 14 gradi per il Primitivo di Manduria secco Dop, 16 gradi per il Primitivo di Manduria Dolce Naturale Docg e addirittura 18 gradi per il Primitivo di Manduria Liquoroso Docg.

Il successo? Plauso ai vignaioli

“Il nostro plauso va a tutti i vignaioli che come ogni anno si sono impegnati a produrre uva di eccellente qualità grazie al loro impegno e alla loro dedizione verso i loro vigneti e alla raccolta dell’uva. Un lavoro che lascerà posto agli step successivi della filiera del vino, selezione del frutto, fermentazione, svinatura fino all’imbottigliamento finale. Il Primitivo di Manduria – conclude Pastorelli – è ormai un brand riconosciuto in tutto il mondo grazie al lavoro dei produttori e vinificatori che, con passione e abili capacità, producono questo vino straordinario. Una eccellenza italiana che ha conquistato e che continua a conquistare fette di mercato importanti”.

Il vino Primitivo di Manduria

Il Primitivo di Manduria si presenta alla vista con un rosso-violaceo tendente all’arancione con l’invecchiamento; l’aroma è leggero e caratteristico, il sapore asciutto, pieno, armonico, tendente al vellutato con l’invecchiamento. Il Primitivo di Manduria Dolce naturale ha colore simile ma sapore dolce, caldo  pieno e armonico; proprietà che si riscontrano anche nel Primitivo di Manduria Liquoroso dolce, dove però la nota alcolica diventa evidente.

Abbinamenti consigliati: Il Primitivo di Manduria Secco è un vino da pasto che si abbina con piatti saporiti e strutturati come salumi , formaggi piccanti, carni di maiale e primi a base di Ragù come le immancabili orecchiette. Il Primitivo di Manduria Dolce Naturale è un vino da meditazione che si sposa bene sia con pasticceria secca che con formaggi duri stagionati. Il Primitivo di Manduria Liquoroso Dolce, invece, si abbina meglio a pasticceria più elaborata come torte a base di creme.

Pubblicità in concessione a Google
Articolo precedenteChi vincerà le Elezioni?
Articolo successivoCaro Bollette e Riduzione Riscaldamento: firmato il Decreto. Ecco quando accendere Termosifoni