Vaccino anti-Covid per la fascia di età 6 mesi-4 anni

è quanto comunica la Regione Puglia

160
Pubblicità in concessione a Google

Con Circolare del Ministero della Salute del 9 dicembre 2022 la vaccinazione anti-Covid è stata estesa alla fascia di età pediatrica tra i 6 mesi e i 4 anni. Il vaccino, Comirnaty con dosaggio inferiore, è raccomandato per le bambine e i bambini in condizioni di fragilità.

Quali condizioni di fragilità

Il Ministero indica un elenco di condizioni di fragilità per le quali è raccomandata la vaccinazione:

Pubblicità in concessione a Google

 

  • grave immunodeficienza primitiva (es. immunodeficienza comune variabile, agammaglobulinemia di Bruton, Sindrome di Wiskott-Aldrich, S. di DiGeorge) o secondaria, compresi coloro che sono in trattamento per cancro o che sono sottoposti a trattamento immunosoppressivo per malattie immunomediate (es. collagenopatie, malattia di Crohn), o per la prevenzione del rigetto nel trapianto di organo solido, o bambini affetti da HIV con conta di linfociti CD4+ inferiore a 200 elementi/mL);
  • trapianto di midollo osseo/cellule staminali, o terapia con CAR-T cells;
  • terapia con anticorpi depletanti il compartimento B cellulare;
  • splenectomizzati o soggetti nati con asplenia;
  • thalassemia Major, anemia a cellule falciformi e altre anemie croniche gravi;
  • insufficienza cardiaca grave;
  • ipertensione polmonare grave;
  • difetti cardiaci cianotici congeniti, cuore univentricolare post-intervento di Fontan e altre malattie cardiache congenite complesse che hanno impatto sulla funzione cardiaca;
  • broncodisplasia polmonare;
  • anomalie strutturali delle vie aeree;
  • ipoplasia polmonare grave;
  • malattie polmonari croniche con una riduzione persistente della funzione polmonare;
  • malattie renali croniche;
  • diabete mellito di tipo 1;
  • fibrosi cistica;
  • pregresso stroke;
  • condizioni neurologiche o neuromuscolari croniche;
  • paralisi cerebrale infantile;
  • sindrome di Down (trisomia 21) e altre cromosomopatie;
  • obesità (> 97° percentile di BMI);
  • neonati ex prematuri di età inferiore ai 2 anni;
  • malattie sindromiche con grave compromissione delle attività quotidiane;
  • disabilità grave ai sensi della legge 104/1992 art.3 comma 3.

Modalità di somministrazione

Comirnaty 3 microgrammi/dose deve essere somministrato per via intramuscolare dopo diluizione come ciclo primario di tre dosi (da 0,2 mL ciascuna) con la seconda dose a 3 settimane dalla prima dose, e la terza dose almeno 8 settimane dopo la seconda. Se il bambino compie 5 anni tra una dose e l’altra nel corso del ciclo di vaccinazione, dovrà completare il ciclo continuando a ricevere la dose di 3 microgrammi.

Chiamata attiva

La somministrazione è garantita tramite chiamata attiva da parte di:

  • Centri Specialistici e Nodi delle Reti di Patologia e delle Malattie Rare della Puglia che hanno in carico tali soggetti;
  • Strutture di ricovero pubbliche e private accreditate ove sono ricoverati pazienti pediatrici nelle condizioni di cui sopra;
  • Pediatri di Libera Scelta, presso i rispettivi ambulatori, per gli assistiti che non siano già in carico ai Centri e alle Strutture di cui alle lettere precedenti;
  • Pediatri di Libera Scelta, presso il domicilio dell’assistito se in ADI/ADP e/o non deambulanti.

Altre modalità di vaccinazione

Le ASL organizzano giornate dedicate alla vaccinazione aperta (open day).
Il vaccino potrà essere disponibile anche per bambini non fragili, su richiesta del genitore o di chi ne ha la potestà genitoriale.

Pubblicità in concessione a Google
FONTERegione Puglia
Articolo precedenteÈ’ morto Pelé
Articolo successivoUltim’Ora, Ministero Salute:’Pandemia imprevedibile, l’Italia deve prepararsi’