Taranto, spunta la Spiaggia Urbana in Città Vecchia

4890
spiaggia urbana
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Pubblicità in concessione a Google

Taranto sempre più laboratorio per sperimentare cultura, turismo e arte. e ora spunta la spiaggia urbana.

Nei giorni scorsi la città è stata nominata come “Destinazione dell’anno” per il Seatrade Cruises Awards e poche ore fa il Ministero dei Beni Culturali ha reso noto che proprio la città dei due mari, nell’importante MArTA, ospiterà in modo permanente tra le sue collezioni le statue dell’Orfeo e delle Sirene rientrati in Italia dal Getty Museum.

Pubblicità in concessione a Google

Taranto, spunta la Spiaggia Urbana in Città Vecchia

Questa mattina la nota via Garibaldi, crocevia non solo del traffico cittadino (mette in collegamento nel senso di uscita la città nuova, il Borgo, con la città vecchia, verso Croce e Tamburi) ma anche luogo simbolo dei pescatori tarantini si è mostrata in una veste insolita: sulla banchina l’allestimento di una spiaggia urbana.

“Queste sdraio sono frutto del nostro lavoro manuale, volto alla rigenerazione itinerante degli spazi pubblici”. Scrivono sui social i protagonisti di TarGET Taranto lanciando l’iniziativa della Spiaggia Urbana in Città Vecchia.

Il progetto ha l’obiettivo di stimolare la capacità giovanile di riappropriazione del territorio urbano di Taranto, con particolare riferimento a specifici quartieri segnati da una condizione di marginalità: Tamburi, Città vecchia, Salinella.

Davanti a loro il Mar Piccolo.

Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Facebook TarGET Taranto @taranto.target · Community
Pubblicità in concessione a Google
Articolo precedenteIn arrivo al Porto di Taranto 398 Migranti. «Viaggio di 42 ore, situazione precaria»
Articolo successivoSi possono prevenire i disastri meteorologici?